Tag

, , , , , , ,

SBIRCIAPAOLA propone ai suoi fedeli SBIRCIATORI altri due sondaggi.

Il primo vi chiede:

“Botti e fuochi per festeggiare la fine dell’anno ma quest’anno: vorresti che il sindaco di PAOLA emanasse un’ordinanza per vietare l’usanza?

Il quesito è scaturito da ciò che migliaia di Comuni italiani hanno fatto per questo argomento e che avevamo pubblicato in un post del 28/12/2011.

SKY TG 24 proprio ieri ha proposto un sondaggio del quale vi riportiamo i risultati.

Riportiamo anche ciò che ha dichiarato il sindaco di Bari al riguardo: «A furor di popolo (qui sono decine e decine le sollecitazioni) ho deciso di adottare l’ordinanza che vieta i botti di Capodanno al fine di tutelare la sicurezza delle persone e di altri esseri viventi». Lo annuncia sulla sua pagina Facebook il sindaco di Bari, Michele Emiliano. Si tratta di un proposito che in 40 minuti ha ricevuto 386 consensi e 150 commenti, alcuni dei quali mostrano scetticismo e chiedono al sindaco se nei confronti degli eventuali trasgressori saranno adottati provvedimenti. «Domani mattina firmerò il provvedimento, – scrive su Facebook Emiliano – è chiaro che si tratta di un inizio e che i risultati probabilmente non saranno decisivi. Ma è evidente che Bari deve e può fare questo ulteriore salto di civiltà».

L’ordinanza anti-botti – scrive il sindaco di Bari su facebook – «conterrà la disposizione a tutte le forze dell’ordine di riprendere con telecamere e macchine fotografiche i balconi dai quali partiranno i fuochi elevando le multe nei confronti dei proprietari ed affittuari che autorizzeranno l’uso dei balconi per tale scopo». Emiliano annuncia anche che le sanzioni ammonteranno a centinaia di euro e i trasgressori dell’ordinanza potrebbero essere perseguiti penalmente. Il capoluogo pugliese si sommerebbe così agli altri oltre 830 Comuni italiani nei quali, secondo l’AIDAA, Associazione Italiana in difesa di Animali e Ambiente, è già in atto il divieto di sparare botti a Capodanno. Bari sarebbe la prima città pugliese ad emanare il decreto di divieto.

Il secondo sondaggio vi chiede di valutare l’operato di SBIRCIAPAOLA.

Restiamo comunque in attesa di suggerimenti per migliorare tale servizio ed esortiamo tutti a “condividere” i sondaggi sui vari social network  o via mail per allargare il raggio d’azione dell’iniziativa e abbracciare i sentimenti della maggior parte dei cittadini.

Al termine di ogni sondaggio pubblicheremo un resoconto commentato che SBIRCIAPAOLA renderà disponibile a chiunque.

Seguiteci anche su Facebook.

Annunci