Tag

, , , , , , ,

Proprio ieri sua moglie ha dato alla luce il secondo figlio della giovane coppia
Il paolano Fedele De Luca, 35 anni, è deceduto in un incidente sull’A3

PAOLA – Un altro giovane di Paola ha perso la vita in un incidente stradale, avvenuto ieri mattina nella provincia di Salerno. Si tratta di Fedele De Luca, 35 anni, che nel giro di qualche ora sarebbe dovuto diventare papà per la seconda volta. Il figlio, nato ieri sera, sarà forse chiamato come lui.
La vicenda ha sconvolto la cittadina tirrenica. Fedele è morto sulla Salerno – Reggio Calabria, nei pressi dello svincolo di Eboli, mentre si stava recando alla scuola dove insegnava, l’istituto alberghiero “Epicarmo Corbino” di Contursi Terme. Viveva da qualche anno insieme alla propria famiglia nel comune di Capaccio, dove si era trasferito per lavoro.
Le cause del sinistro, accaduto intorno alle 8:30 sulla carreggiata sud, sono in corso di accertamento da parte della polizia Stradale, che ha proceduto ad eseguire i rilievi del caso e avviato l’indagine. Oltre alla macchina del giovane paolano sono rimasti coinvolti un’altra auto e un mezzo pesante, i cui occupanti non hanno riportato gravi conseguenze.
L’impatto è avvenuto in un tratto di autostrada da poco ammodernato, che oggi ha tre corsie per senso di marcia.
Da una ricostruzione sommaria dell’accaduto il compianto sarebbe stato sbalzato fuori dalla sua auto dopo essere stato tamponato nella parte posteriore del mezzo, forse a seguito di un rallentamento.
Caduto sull’asfalto è morto sul colpo, mentre l’auto è andata a finire contro un camion e poi contro il guard rail.
Sul corpo della vittima il magistrato di turno ha disposto l’autopsia. I funerali dovrebbero celebrarsi presumibilmente a Paola nel fine settimana.

Fedele De Luca lascia la moglie Roberta Novi, il figlio Luigi di quasi 3 anni e il secondogenito, venuto alla luce ieri sera con parto cesareo. Per precauzione, prima dell’intervento, alla giovane donna non era stato riferito della tragedia.
Facilmente immaginabile il dramma appena appresa la notizia, che ha tramutato in dolore il giorno di gioia. Il suo bimbo doveva chiamarsi Lorenzo, proprio come Jovanotti, un idolo per sua moglie tanto che lei stessa aveva scritto del lieto evento sulla bacheca di Facebook dell’artista. Ma i familiari ora sono propensi a chiamarlo come il padre, per tragica fatalità scomparso il giorno in cui è nato.
“Siamo molto turbati e commossi – spiega il dirigente della scuola dove Fedele insegnava, Ugo Giorgio Crea. Abbiamo appreso la notizia da alcuni suoi colleghi, che mentre raggiungevano l’istituto hanno notato l’incidente nei
pressi di Eboli, riconoscendo l’auto schiacciata sul guard rail; De Luca insegnava cucina tecnico – pratica ed era con noi da circa un anno in assegnazione provvisoria di cattedra da Roma, poiché dopo diversi tentativi era riuscito ad avvicinarsi alla sua famiglia che abita a Capaccio; sono molto addolorato; tra l’altro è un mio corregionale calabrese.
Gli alunni sono scossi, in particolare quelli della classe 5^ C, che avevano proprio lui in laboratorio alla prima ora; i ragazzi piangevano, abbiamo cercato di consolarli – ha concluso il dirigente scolastico – ma oggi è una giornata triste per la nostra scuola, esprimiamo sincere condoglianze ai familiari”.
Ecco qualche messaggio sulla rete delle persone che conoscevano Fedele: “Eravamo vicini di casa, ti conoscevo da sempre fin da piccoli anche se con gli anni poi non ci siamo più visti; sapevo che la tua famiglia era venuta da te per vivere un momento di gioia, la nascita del tuo bimbo, e invece si sono ritrovati in un turbine di dolore per la tua scomparsa, ci sono cose che la ragione umana non spiega perché è il destino che mescola e rimescola le carte”.
Per l’evento luttuoso l’aspirante sindaco del centrosinistra, Carlo Gravina, ha rinviato a sabato la conferenza stampa di presentazione della sua candidatura.

PAOLO VILARDI

SBIRCIATO su IL QUOTIDIANO DELLA CALABRIA del 9/02/2012

Annunci