Intanto il 25 consiglio comunale sulla presunta incompatibilità di D’Andrea

Francesco Storino

PAOLA – Salvatore Del Bianco è stato nominato presidente della Giovane Italia. Il movimento giovanile del Pdl si legga in una nota «è pura espressione di un modo giovane e serio di far politica, cresce. Non solo nei numeri ma soprattutto nell’impegno, divenendo parte integrante e inscindibile di un tessuto sociale, quello paolano, che vuole e deve cambiare. È ora di abbandonare i vetusti crismi che aleggiano sulla politica, questo “l’urlo” del gruppo giovanile, che insieme a tutta la cittadinanza si impegna a trasformare le idee in azioni, le disattese promesse in fatti». Un’attività costante, quella della Giovane Italia, che «si estrinseca attraverso la promozione di eventi che non parlano la lingua dell’indebito profitto, ma quella dell’interesse pubblico con una particolare attenzione alla partecipazione dell’intera comunità». Il presidente, Salvatore Del Bianco, annuncia la creazione di un apposito indirizzo e-mail: costruiamopaola@basilioferrari.it , dedicato a tutti coloro che vogliono dar voce alle proprie idee. «E nella stessa logica – continua – saranno allestiti appositi gazebo per l’incontro con la cittadinanza. Dei veri e propri portali che garantiscono ad ogni singolo cittadino una partecipazione politica più ampia». Del Bianco e la Giovane Italia sono sicuri, che si può cambiare: «lasciamo ad agli altri i soliti intrighi di palazzo, abbracciano la candidatura di Basilio Ferrari e avviamoci verso un nuovo percorso, fondato su una costante: il rapporto con i cittadini».  Intanto il presidente del consiglio Ferruccio Fedele ha convocato per il 25 febbraio alle ore 16 un’assemblea consiliare per discutere importanti argomenti all’Odg. Tra l’altro si discuterà dell’eventuale ipotesi d’incompatibilità sopravvenuta dalla carica di consigliere comunale di Giuseppe D’Andrea, a seguito del conferimento di alcuni incarichi professionali da parte di questo Ente. Poii ben quattro determinazioni su deliberazioni della Corte dei Conti. Un punto richiesto da sei consiglieri sulla struttura commerciale in località Tina e infine determinazioni su reliquato terreno in Contrada Deuda.

SBIRCIATO su IL QUOTIDIANO DELLA CALABRIA del 18/02/2012

Annunci