Legambiente: “Barriere inutili e dannose per la costa”

È a rischio l’habitat di uno dei siti di punta del Parco marino Riviera dei Cedri

 Francesco Storino

ACQUAPPESA – Il cemento soffoca la costa, l’erosione avanza e in più la beffa di interventi dispendiosi, inutili e dannosi per il ripristino delle spiagge. A essere finiti nel mirino di Legambiente Calabria sono i lavori di posa delle barriere subacquee poste in prossimità dello “Scoglio della Regina”, nel comune di Acquappesa. Un’opera giudicata inutile e potenzialmente distruttrice di un habitat sottomarino tra i più suggestivi del Tirreno. Tanto da spingere la Regione Calabria a istituire nel 2008 il Parco marino Riviera dei Cedri. È proprio al parco e all’amministrazione comunale che si rivolge Legambiente Calabria: il problema va affrontato a monte.

Il caso dello “Scoglio della Regina” per Legambiente «è emblematico e rispecchia lo stato disastroso delle nostre coste, vittime di interventi scellerati del passato e di operazioni contestabili oggi. Ma c’è un’importante novità: finalmente i cittadini si indignano. È nato infatti un Comitato civico a difesa dello scoglio e contro l’intervento programmato dal Comune, che prevede appunto la realizzazione di barriere in mare per rigenerare la spiaggia riportandola a com’era prima delle mareggiate degli anni ‘80, che causarono l’arretramento della spiaggia di una decina di metri».

Lo scoglio un tempo era parte integrante della spiaggia e dopo le mareggiate si trova oggi in pieno mare. Ugualmente, ha suscitato un grande interesse poiché di notevole valore paesaggistico: è, insieme all’isola di Dino e all’isola di Cirella, uno dei tre siti di punta del parco marino. Gli studi condotti in campo botanico hanno ulteriormente messo in evidenza il notevole valore naturalistico dell’area. È stata riscontrata infatti la presenza di specie di particolare importanza in quanto non comuni in Calabria e a rischio estinzione.

Legambiente Calabria in merito contesta l’intervento previsto e chiede «quale siano le iniziative e le azioni che il Parco marino ha posto in essere unitamente al comune di Acquappesa per tutelare l’area, e se la realizzazione dell’intervento sia supportata da apposita valutazione di impatto ambientale. È notorio, infatti, che causa dell’erosione sono la cementificazione della costa e il massiccio prelevamento di materiale sabbioso dai corsi d’acqua. A monte, dunque, nulla si fa. Anzi ancora oggi si continuano a costruire piccoli e grandi porti turistici in ogni dove, da Amantea a Paola, da Diamante a Scalea, facendo altro che modificare le correnti marine che accelerano i fenomeni delle mareggiate. Le barriere in questione, oltre a non garantire il risultato, rischiano influire negativamente sugli equilibri delle altre zone costiere. Quello che occorre, al contrario, è un’azione concertata tra i Comuni per la salvaguardia del territorio, anche nell’ottica del turismo».

Legambiente esige che si blocchino i lavori sulla spiaggia intorno allo “Scoglio della Regina” e che si riveda il progetto in modo da non provocare danni alla costa tirrenica, nella speranza che nel prossimo immediato si facciano altri interventi atti a garantire i rischi idrogeologici e di erosione della costa.

SBIRCIATO su IL QUOTIDIANO DELLA CALABRIA del 13/03/2012

Questo slideshow richiede JavaScript.

SBIRCIAPAOLA, nei suoi intenti, ha anche quello di evitare che Amministrazioni dalla conduzione scellerata della cosa pubblica, facciano come sta avvenendo ad Acquappesa, com’è avvenuto a Paola ed in altri comuni. Spesso arbitrariamente, ignorando o facendo finta d’ignorare normative e leggi, s’interviene con opere pubbliche (e non) per spot, per clientelismo, e per chissà quali altri motivi.

Legambiente si sveglia a lavori fatti, i cittadini pure. Tutti giustificati? Forse. Ma una cosa è certa, se non si comincia stare col fiato sul collo delle Amministrazioni, se non ci si indigna personalmente o tramite appositi comitati, la bella Calabria sparirà, così com’è sparita nelle intenzioni dei turisti che ci hanno visitato negli ultimi decenni.

SBIRCIARE nelle cose pubbliche è rendere edotta la cittadinanza di ciò che si decide per essa.

Annunci