Francesco Brogna, paolano doc, offre la sua professionalità presso il Gruppo Pubbliemme, azienda specializzata nella gestione di attività di marketing operativo sull’intero territorio nazionale. Uomo di fiducia dell’azienda, è responsabile relazioni esterne e ricopre anche la mansione di responsabile direzione commerciale della provincia di Cosenza.
Di seguito l’articolo del Sole 24 ore con la sua intervista.

Guadagnare con la pubblicità e le antenne sul tetto

Sfruttando al meglio le potenzialità della casa in cui si vive si può anche guadagnare. Certo, in tempi di crisi e di pochi investimenti anche i business che possono essere legati al condominio diventano più difficili, soprattutto per quegli stabili che non sono situati in grandi città o in posizioni strategiche. Tuttavia la possibilità di poter fare affidamento su introiti che aiutino ad abbassare le spese condominiali non è da sottovalutare.
Le pubblicità sulle facciate senza finestre e sui tetti dei palazzi non sono diminuite con la crisi. Lo stesso non si può dire per i prezzi che gli inserzionisti sono disposti a pagare, che sono invece in discesa. Questo però non vuol dire che l’opportunità diventi meno interessante. «Se si ritiene che il proprio palazzo abbia le giuste caratteristiche – dice Francesco Brogna di Pubbliemme, gruppo specializzato nel settore – che sia cioè situato in un punto ben visibile, dove c’è molto passaggio, nel centro storico o in altre collocazioni prestigiose, il mio consiglio è quello di andare in cerca di un concessionario, perché i formati speciali, i cosiddetti big size, attraggono ancora. Occorre tenere però gli occhi bene aperti perché ci sono molti operatori improvvisati; mentre sono molti gli aspetti a cui prestare attenzione: dalle tasse da versare al Comune, che alcuni operatori “dimenticano”, alle normative di sicurezza e manutenzione dell’installazione, fino ai regolamenti comunali che stabiliscono l’affollamento e tutelano i palazzi storici».

La quota versata al condominio varia molto a seconda della collocazione: per circa 100 metri quadrati in una buona zona di una grande città si possono incassare 15-20mila euro al mese, in un centro di provincia il canone scende attorno ai 2-2.500 euro. Sempre più frequente è l’affissione sui ponteggi: spesso sono le stesse aziende edili specializzate, ad esempio nel rifacimento delle facciate, a proporre al condominio il preventivo già depurato dall’incasso derivante dalla pubblicità, fino al caso limite in cui il lavoro diventa “gratis”. Amministratore e condomini dovranno verificare che ci sia congruenza con i prezzi di mercato.

Nei grandi condomini, magari frequentati da “estranei” per la presenza di uffici e studi professionali, si stanno diffondendo anche le pubblicità – certo, molto meno remunerative – negli ascensori, dove è difficile sfuggire al messaggio promozionale.

Altra possibilità di guadagno è data dai canoni che le società di telefonia pagano per poter installare antenne sul tetto. Gli introiti dipendono dall’altezza del palazzo, dalla sua posizione, dalla potenza del segnale, dal tipo di utilizzo e dall’azienda a cui ci si rivolge; ma si va dai 20-30 mila euro l’anno fino a 80mila. «Dopo il boom di qualche anno fa – rileva però Roberta Odoardi, direttore generali Anammi – la domanda è calata perché ora le città sono coperte dal segnale; anche se non mancano le occasioni, soprattutto perché in molti condomini prevale la paura degli effetti dannosi delle onde elettromagnetiche, che in realtà sono tutti da dimostrare». C’è anche chi fa notare che se le onde provengono dal palazzo vicino sono anche più dannose rispetto a quelle propagate del proprio tetto (e non si guadagna nemmeno un euro).

C’è poi la possibilità di affittare le parti comuni. È il caso soprattutto delle portineria in disuso o di spazi interni che si possono adibire a parcheggio. «Ultimamente molti di questi spazi vengono anche venduti – precisa Odoardi – nonostante sia necessaria l’unanimità. Certo nel caso di sottotetti l’affitto risulta difficile, mentre il prezzo pagato dai costruttori per la realizzazione di mansarde può essere allettante».

SBIRCIATO su http://www.casa24.ilsole24ore.com

Annunci