In arrivo una marea di candidati

Elettori alla conquista delle roccaforti storiche di Cancello, Sant’Agata e Fosse

Francesco Storino

PAOLA – Quattro liste per Carlo Gravina, due rispettivamente per Alessandro Pagliaro e Giovanni Abruzzo, e cinque o addirittura sei per Basilio Ferrari. A meno di quindici giorni dalla presentazione dei raggruppamenti dei candidati al consiglio comunale i giochi politici sembrano fatti. Tutto sembra delineato. Ma non è escluso comunque qualche colpo di scena. Di quelli ad effetto, a cui ci hanno abituato i politici nostrani. I sondaggi fioccano. Un blog si sta occupando anche di vedere, sul web, il gradimento dei potenziali primi cittadini. Secondo lo stesso in testa c’è Basilio Ferrari seguito a ruota da Alessandro Pagliaro.

Ma al di là dei sondaggi la consistenza delle liste che saranno in campo risulta molto importante.

A Paola secondo l’ultima revisione possono esercitare il voto 15.331 persone di cui 7516 maschi e 7815 femmine. Se le liste in totale saranno 14 e ognuna con sedici candidati al consiglio in tutto arriveremo a 224 candidati (una media di circa 68 a elettore). 66 in meno rispetto al 2007. Ma non è escluso che spuntino da qui a poco un’altra lista o addirittura due. E di conseguenza avremo più candidati al consiglio.

Nelle passate competizioni su 14.858 elettori votarono al primo turno 11.292 persone (76%). Al secondo turno 9859 elettori (66,35%).

Con Gravina ci sarà il Psi che ha allargato la lista anche a Verdi e al Movimento Vivere Paola. Salvo defezione con i socialisti dovrebbero essere in campo mezza giunta uscente con in testa il sindaco Roberto Perrotta (capolista), e assessori o ex componenti dell’esecutivo tra i quali Francesco Sorace, Ivan Ollio, Raffaele Condino, Roberto Cataldo, nonché Giuseppe D’Andrea, Giovanni Politano, Domenico Tripepi. Tra i sedici del Pd dovrebbero esserci Lucia Baroni, Graziano Di Natale, Mimmo Abramo, Alfonso D’Arienzo e Katiuscia Crudo. Poi la lista di Idv-Mpa con in testa l’assessore Josè Grupillo e il movimento civico di Gravina guidato da Pasquale Di Blasi al quale potrebbe aggregarsi Fli con un candidato e forse Sel (se non farà lista a parte).

Con Abruzzo espressione dei socialdemocratici ci saranno oltre Giorgio Corrado e Tonino Longo consiglieri comunali uscenti, diversi giovani e non è escluso qualche deluso del Pd e sindacalisti.

Per Pagliaro il movimento di Cambia Paola presenterà due liste nelle quali ci saranno esponenti di Fds (Lucio Cortese e Lucio Sessa) del mondo associazionistico (Emanuele Carnevale e Simona Palma).

Con Ferrari vi sono due liste del suo partito. Quella del Pdl nella quale troveranno spazio esponenti storici tra i quali: Ernesto Trotta Francesco Serpa, Silvio Buono, Mimmo De Rosa, Totonno Logatto, Emilio perfetti, Paolo Romagno, Dalvio Bruno. Con il gruppo del Presidente Scopelliti oltre che esponenti della Giovane Italia tra i quali Aniello Sansone ci saranno giovani professionisti. Infine pare che sia in procinto di essere formata una lista di commercianti.

Nell’Udc a guidare la rappresentanza dello scudo crociato ci dovrebbe essere il presidente del consiglio Ferruccio Fedele, grosso portatore di voti. Diversi giovani troveranno spazio tra i 16 aspiranti consiglieri. La lista del Pri oltre al segretario Antonio D’Angeli, dovrebbe aggregare le dottoresse Mary Siciliano e Emira Ciodaro, nonché Salvatore Mantuano e Francesco Aloia.

Quindi la lista Grande Sud con quali candidati Maria Pia Serranò, Pasquale Storino, Paolo Brillantino e altri.

Tra le roccaforti del voto da conquistare ci sono i quartieri storici del Cancello e di Fosse oltre naturalmente Sant’Agata e la zona centro.

SBIRCIATO su IL QUOTIDIANO DELLA CALABRIA del 20/03/2012

Annunci