Tag

, , , , , , ,

In eredità una ferita in centro storico

Facebook è un buon mezzo per veicolare informazioni e coinvolgere direttamente molta gente, SBIRCIAPAOLA, con i suoi “copia e incolla” amplifica le info locali a tutti, con i suoi contributi li rende ridondanti e spesso fa incazzare qualcuno, con le sue foto dimostra di non dire cazzate.

Ci scusiamo per i francesismi ma sono gli epiteti che qualcuno usa nei confronti di chi, come noi, vuole solo “spolverare” il cattivo e deludente operato nella cosa pubblica.

Di seguito alcuni dei commenti al nostro contributo del 17/03/2012: “In eredità una ferita in centro storico” .

  • ‎*_* che bel cazzotto in un occhio quella pista di go-kart…
  • è una pista da smowboard! vogliono lanciare paola come località sciistica! 😛
  • un fallo, non c’è che dire!
  • Come deturpare una citta’….
  •  non mi piace!
  • si potrebbe prolungare lo scivolo fino a mare: sai che acqua park da guinness dei PRIMATI (nel senso delle scimmie)
  • è un vero peccato questa è una delle zone più belle di paola…
  • Nessuno si è mai opposto a suo tempo,specie chi oggi giudica questa opera come un eco mostro.
  • Nessuno che abbia letto i giornali mentre si ipotizzava, progettava, costruiva e inaugurava l’eco mostro può essere d’accordo con quanto ha appena scritto xxx. Bentornato a Paola, Francesco!
  • ero più che certo di una simile risposta..ahah come se scrivere sui giornali sia sempre la sola ed unica iniziativa da intraprendere. eh infatti ecco i risultati
  • Ho consigliato a xxx (che di sicuro non protestava) di leggere i giornali dell’epoca in modo da apprendere l’esistenza dei sit-in, delle manifestazioni pubbliche, delle proteste di piazza e delle petizioni popolari promosse da centinaia di cittadini. Ma si sa, non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire …
  • un fondo di verità purtroppo c’è, nel senso che italia nostra organizzò il convegno alle acli solo a progetto ultimato su consiglio dei residenti del duomo, ma ovviamente a fine lavoro… carbone e carbone non si tingono, talvolta, e il valore della carta stampata, in un paese in cui tutt’al più si acquista la gazzetta dello sport, è del tipo: “chisti vono fa filosofia”… ma le idee cambiano il mondo e le elezioni ancor + di manifestazioni popolari in cui o vieni arrestato o criminalizzato come nel caso dei no tav.
  • Il problema non è che non si è protestato e scritto contro l’obbrobrio, ma che a farlo furono una minoranza di cittadini (qualche centinaio), ai quali la “politica” cittadina “interessata” all’opera non ha voluto dare ascolto. Ancor più grave è che migliaia di paolani hanno ignorato o peggio dileggiato chi protestava, perchè si sa, a molti piace chiudersi da soli le catene
  • Il mio tempo è prezioso,continua a fare quello in cui credi ed alla fine fai sempre un resoconto. Sinceramente leggere i giornali locali è noia mortale,lascio a te l’arduo compito,aggiornami eh! Toodless
  • sìsì beh è un paese di omertà e di diniego… atteggiamenti peggiori di ogni altro tipo di consenso esplicito a qualche proposta negativa; il comportamento cittadino che col silenzio sceglie fingendo di non scegliere.
  • Centinaia? Hmm… Forse ero alle Maldive 😉
  •  piccolo controllo sul mio archivietto personale: le prime proteste datano all’indomani dell’approvazione del PSU, quando l’obbrobrio era solo uno dei tanti progetti. Eravamo a novembre del 2006. In seguito alle denunce giornalistiche di xxx la Procura aprì un’inchiesta: ci furono perquisizioni e sequestri all’Ufficio Tecnico Comunale. Dopo poco hanno protestato le scuole. Ma è vero quello che dici tu: la maggioranza silenziosa ha avallato lo scempio. In una città disabituata al bello ci si emoziona solo con l’orrore … grand guignol urbanistico, direi
  • non avevo dubbi circa l’impegno vivace di te e marta .. ma persone positivamente combattive e colte come voi qui sono rare e considerate scomode dalla massa perché nutrire stima nei loro confronti significherebbe dover mettersi in discussione. l’utopia non sta nell’esistenza o meno di persone diverse, ma nel loro numero, purtroppo.
  • aumenterà.
  • speriamo
  • io ero poco più di un ragazzino, eppure non si parlava d’altro nelle riunioni e nelle piazze. dire che non è stato fatto niente caro francesco è un falso storico. dire che poi siamo ancora noi, la sinistra a farsi carico di tali prerogative è un atto che ci riempie d’orgoglio. sapere che tanti sono con noi in questa battaglia anche se di anni ne sono passati significa che ci avevamo visto lungo. purtropppo lo stesso non si può dire di coloro che invece non hanno alzato la voce per opporsi a tutto ciò, ed invece che protestare scelgono i palchetti al lungomare. meglio così, la gente riesce a capire l’immensa differenza che ci separa
  • caro Emanuele di riunioni e manifestazioni potete farne a dismisura,ma se non si ottengono risultati è chiaro che qualcosa si è sbagliato.Apprezzo la vostra volontà,dite di esser così bravi e colti,spero per voi che qualcuno lo capirà così in futuro avrete lo spazio che vi meritate. Saluti

Seguono circa 100 “mi piace”, questo il risultato in soli tre giorni. Molte sorprese tra i “ci piace”, anche la presenza di personaggi che fanno parte attiva della coalizione che ha creato tutto ciò. Evidentemente a loro piace veramente, non la denuncia che SBIRCIAPAOLA ha sollevato, ma il mostro!

 

Annunci