Annullate le accuse a Livio Serpa
I giudici del tribunale della libertà di Catanzaro hanno annullato i campi d’imputazione relativi a due omicidi ed un tentato omicidio nei confronti di Livio Serpa coinvolto nell’operazione “Tela del ragno” contro le cosche di Cosenza e della fascia ionica. I giudici hanno accolto la richiesta dei difensori di Serpa, gli avvocati Giancarlo Pittelli e Gino Perrotta. Nell’ordinanza di custodia cautelare erano contestati a Serpa gli omicidi di Luciano Martello e di Rolando Siciliano ed il tentato omicidio di Gennaro Ditto. I delitti furono commessi, secondo l’accusa, nel corso della guerra di mafia che ha insanguinato il cosentino dal 1999 al 2004. Nel corso dell’operazione, condotta il 30 marzo scorso dai carabinieri del Comando provinciale di Cosenza e del Ros, sono state arrestate 58 persone accusate di appartenere alle cosche della ‘ndrangheta del cosentino.
SBIRCIATO su CALABRIA ORA del 21.04.2012
Annunci