SBIRCIAPAOLA riceve e pubblica

A nord di Paola esiste una vasta zona abitata che è stata “depredata” di tutti i più elementari servizi pubblici e sociali: scuole, uffici comunali, uffici pubblici, e proprio in questi giorni, anche dello sportello dell’ufficio postale.  Il disagio e le difficoltà dei cittadini sono evidenti, in speciale modo per i pensionati, per coloro che hanno problemi di deambulazione e per le persone anziane, anche alla luce delle nuove norme sulla circolazione del denaro contante (tracciabilità), sull’apertura di conti correnti e sull’accredito delle competenze su libretti a risparmio nominativi.  Il problema dell’Ufficio Postale investe anche le contrade ed i centri abitati del limitrofo comune di Fuscaldo. Infatti, da Fuscaldo (Centro e Marina) a Paola (Viale dei Giardini, Centro e Marina) dunque, per oltre 15 Km.  e per una notevole popolazione,  non esiste un solo sportello postale.

Vorrei, quindi, lanciare una proposta finalizzata al superamento del “muro” di confine tra i due comuni Paola-Fuscaldo (e non tra l’occidente e l’oriente come il muro di Berlino) affinché i due sindaci si facciano carico di questo disservizio e si attivino presso l’Ente Poste al fine di dare una risposta concreta al disagio dei loro concittadini. So che le Poste non sono più un servizio pubblico dello Stato, bensì una Azienda privata, e pertanto ha come obiettivo quello di minimizzare i costi e massimizzare i profitti. I costi di affitto dei locali e del personale sono primaria importanza per la competitività dell’Azienda, su questi costi i due Sindaci potrebbero dare il loro contributo accollandosi le spese dei locali: si potrebbe ristrutturare uno degli edifici scolastici dismessi di Cotugni o di S. Miceli che sono già di proprietà del comunale. In particolare, l’ex edificio scolastico di Cotugni ha ampio parcheggio, non ha barriere architettoniche ed ha la possibilità di attivare un buon servizio di videosorveglianza; in quanto dispone di un ampio giardino intorno. Anche per il personale si potrebbe intervenire con accordi tra Sindaci e Poste Italiane, mediante distacchi e mobilità.

NATALE SANTORO

Annunci