Tantissimi nomi, tantissime proposte. Ma molte politiche. E la meritocrazia? Al comune di Paola serve una giunta di professionisti oppure di politici? Nel nostro sondaggio abbiamo riportato i nomi di coloro i quali sono stati in questi giorni al centro dell’attenzione dei quotidiani locali. Tra gli spifferi delle sezioni e le dicerie della piazza (pappagaddi i ‘chiazza) molti di loro, almeno il 50%, dovrebbe sedersi sulle poltrone dell’aula Francesco Lo Giudice in qualità di assessore comunale.

La precedente Giunta a parte qualche elemento è stata composta per quasi il 90% da assessori politici . La nuova – ci chiediamo – seguirà la stessa via o ci sarà un’inversione di tendenza?

Sarebbe bello avere una squadra che aggreghi uomini e donne liberi e di buona volontà, personalità anche esterne alla politica e impegnate solo per il rilancio di Paola. Portare al Sant’Agostino  una formazione che assembli le migliori risorse umane ed intellettuali, attingendo unicamente dalla società civile oggi può sembrare utopistico.

Un sindaco, nonostante la buona volontà, da solo non può bastare. Sarebbe diverso avere una squadra di professionisti che ognuno per le proprie competenze si impegni per avviare una crescita sociale e culturale della città di San Francesco.

Annunci