Tag

, , , , , ,

Il post del 22 Giugno “IL SINDACO SULLA DIFFERENZIATA“, come previsto ha suscitato molti commenti, alcuni dei quali non pubblicabili.
Il commento inviato il 29/06/2012 alle 21:57 da un fedele, evidentemente, SBIRCIATORE abbiamo preferito renderlo post con la precisa replica dello stesso diretto interessato, il sindaco di Paola Basilio Ferrari.
Sasà scrive (testuali parole). Ancora tutto invariato: per le strade e nei supermercati ce un macello di spazzatira non raccolta e, cosa più grave, i dipendenti Ecopa aspettano ancora il pagamento degli arretrati di febbraio, marzo ed aprile…

Qst perchè qualche luminare dell attuale maggioranza ha pensato bene di far girare i soldi dei dipendenti sul contocorrente PERSONALE di un avvocato del sindacato che poi provvederà PERSONALMENTE a staccare gli assegni per i lavoratori…naturalmente dopo aver detratto da ogni dipendente il 10% della somma da percepire dopo UNA lettera UNA che lo stesso avvocato aveva inteso fare per bloccare il mandante proveniente dalla regione…
Qst è quello che si fa per difendere il lavoro ed i lavoratori… a breve altre notizie a dir poco esilaranti!

Siamo naturalmente tutti in attesa delle altre notizie “a dir poco esilaranti”. Siamo qui per questo.

Il sindaco, letto il commento, evidentemente anche lui fedele SBIRCIATORE, ha prontamente replicato.:Gli avvocati hanno agito prima del nostro insediamento, noi abbiamo liquidato tutti i mesi arretrati direttamente ai dipendenti. In ogni caso, se l’avvocato interpellato avesse avuto una procura all’incasso, per legge il Comune avrebbe dovuto liquidare l’avvocato e non direttamente il lavoratore.” Sono, questi, rapporti privati tra il lavoratore e il suo avvocato.

Ferrari continua: “i dipendenti senza avvocato hanno già percepito tutti gli arretrati, è ben chiarito nell’ordinanza emessa, d’ora in poi le trattative proseguiranno direttamente tramite sindacato.”.

“Erano in pochi a volere che restasse in piedi e a tutti i costi ECOPA, questa volta i mandati di pagamento non sono stati dati direttamente agli amministratori della cooperativa, ma ai singoli dipendenti. Ecco il perchè di tanto astio nei nosri confronti da parte di alcuni, non di tutti. I dipendenti saranno assorbiti da Ecologia Oggi.”

Abbiamo deciso, continua Ferrari,di risparmiare e ottenere un servizio migliore impiegando una sola azienda, e non tre com’è stato fino a pochi giorni fa, mantenendo tutti i posti di lavoro. Naturalmente il posto di lavoro mantenuto, e assicurato da Ecologia Oggi, dipende molto dai sindacati e dalle volontà dei singoli dipendenti che avranno a che fare con un altro tipo di professionalità e gestione.

Più efficienza, più servizi, più mezzi, meno soldi, questo il nostro intento. Abbiamo dovuto anche pagare i contributi che Ecopa non versava ai suoi dipendenti”.

Siamo in una fase in cui Ecologia Oggi sta organizzandosi, ad oggi sono stati distribuiti cassonetti per la raccolta generica, nei prossimi giorni saranno presenti per le strade di Paola quelli per la raccolta differenziata a postazione. Ci saranno anche mezzi per la raccolta dei rifiuti ingombranti e spazzolatori meccanici. Ricordo che Ecologia Oggi ha accettato l’incarico pur vantando un arretrato dal Comune di Paola di 80.000 €.

Il sindaco chiede direttamente al/ai diretto/i interessati di Ecopa, ai suoi amministratori:come mai una cooperativa con un contratto per un progetto a termine di un anno, come Ecopa, ha assunto 18 persone con contratto a tempo indeterminato? Qual’era la programmazione dal 23 giugno 2012 in poi? Con 18 dipendenti a tempo indeterminato, di cui due amministrativi, con quali fondi e quali commesse avrebbe potuto continuare? E con quali autorizzazioni? Con quali mezzi meccanici? Chi avrebbe raccolto i sacchetti dal 24 giugno in poi?”

Abbiamo sempre adottato come criterio, conclude Ferrari, l’efficienza del servizio e l’interesse dei lavoratori a non perdere il posto, il resto e’ sterile ed interessata polemica.”

SBIRCIAPAOLA resta ovviamente in attesa di eventuali altre risposte o commenti a questa replica.

Annunci